NUTRITION TABLE

เว็บแทงบอล

Delhi rimosso da YouTube un documentarioella Bbc sul premier

เวลาปล่อย:2023-01-24 เรียกดู: ขนาดตัวอักษร:ใหญ่ กลาง เล็ก 【ปิด】

Nella prima puntata della serieuna squadra dinchiesta racconta le indagini sul ruolo del primo ministro durante le rivolte del Gujarat nel 2002.Per il ministero degli Esteri intrisodi pregiudizio e mancanza di obiettivit. Nel frattempo il dicastero dellInformazione ha proposto una modifica di legge per impedire la diffusione di quelle che il governo decide essere fake news.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Il ministero degli Esteri indiano ha bollato come propaganda un recente documentario della Bbc sul primo ministro Narendra Modi mandato in onda due giorni fa e ieri rimosso da YouTube. Il pregiudizio, la mancanza di obiettivit e la persistente mentalit coloniale sono ben visibili, ha detto Arindam Bagchi, portavoce del ministero, aggiungendo che il documentario non stato proiettato nel Paese, in linea con le nuove proposte del governo di censurare tutto ci che le agenzie governative di fact-checking stabiliscono essere fake news.

Nella prima puntata della serie, intitolata India: The Modi Question, e di cui il secondo episodio uscir il 24 gennaio, una squadra inviata in dal Regno Unito per indagare sulle rivolte del Gujarat del 2002, afferma, sulla base di un rapporto spedito al governo britannico ma mai pubblicato, che Modi, allora primo ministro dello Stato indiano, stato direttamente responsabile del clima di impunit che ha portato alle violenze tra ind e musulmani.

Tra febbraio e marzo 2002 si sono verificati ampi scontri settari che hanno causato la morte di oltre 2mila persone (il governo indiano dice di averne registrate la met). Secondo il gruppo dinchiesta, Modi ha impedito alla polizia di intervenire per fermare le aggressioni contro i musulmani. Nel 2012 la Corte suprema indiana ha prosciolto Modi da tutte le accuse e solo lanno dopo un magistrato locale ha accettato di visionare il report inglese.

Lo stesso giorno in cui il documentario veniva mandato in onda, il ministero della Tecnologia e dellInformazione ha proposto al governo una modifica della legge che regola la pubblicazione di contenuti online e nei confronti della quale la Editor Guild of India ha espresso grande preoccupazione: Esistono gi diverse leggi per gestire i contenuti che risultano essere di fatto errati, ha scritto lassociazione su Twitter. Questa nuova procedura serve fondamentalmente a rendere pi facile imbavagliare la stampa libera e soffocare le legittime critiche al governo necessarie per il buon funzionamento di una democrazia.

Negli ultimi due anni il governo indiano si pi volte scontrato con le piattaforme social che si sono rifiutate di rimuovere determinati account o contenuti online. In base allemendamento proposto, viene vietato alle piattaforme di diffondere qualunque informazione che le agenzie governative ritengano falsa o ingannevole, e la formulazione della legge sembra dare carta bianca al governo nel definire cosa pu essere ricondiviso e cosa no sul proprio operato.

Lunit chiamata Press Information Bureau che dovrebbe verificare la veridicit delle notizie pubblicate dai media indiani stata creata nel 2019 ma negli ultimi tre anni stata spesso criticata per aver segnalato contenuti critici nei confronti dellesecutivo e perch pi volte ha bollato come notizie false documenti che si sono poi rivelati essere veri.

Delhi: rimosso da YouTube un documentario della Bbc sul premier Modi

Vedi ancheEx braccio destro di Modi: Mi dimetto dal Bjp. Il nazionalismo, danno per lIndia

19/06/2018 11:22Assam, giovani linciati per una fake news: 65 persone arrestate

13/06/2018 10:20Modi alla Casa Bianca: investimenti, sicurezza e tecnologia

24/09/2014Gesuita indiano: Gli Stati Uniti non concedano limmunit diplomatica a Narendra Modi

01/04/2014Gujarat: il governo ricostruir le moschee distrutte nei pogrom anti-islamici del 2002

Asia TodayEau, Bahrein, Usa, Israele: rafforzeremo gli Accordi di AbramoASIA TODAYIscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

Teheran, giustiziato Alireza Akbari: accusato di essere una spia britannica

Karen, raid della giunta militare contro una chiesa: cinque vittime, anche un bambino

La Moscovia post-sovietica della fine del mondo

Taipei: Tsai Ing-wen omaggia lumanit di papa Benedetto XVI

C.F. e P.IVA Codice destinatario (SDI): SUBM70N nitelm.it

SEDE: PIME Milano via Monte Rosa 81 - 20149 Milano tel. 02438201 - fax 0243822901

E permesso luso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. Riproduzione, pubblicazione, vendita e distribuzione dei contenuti del sito possono avvenire solo previo accordo con leditore.